Il lungo viaggio di Leda

Avatar utente
kymera
Teen
Teen
Messaggi: 73
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 18:51
Località: Milano
Età: 55

Re: Il lungo viaggio di Leda

Messaggio da kymera »

Mi piace tornare qui per ritrovare persone care di un periodo trascorso ma anche per ascoltare le voci di Gloria e Paolina, che non conosco, e questa credo sia la sezione giusta: era nata con questo scopo quando ero moderatrice del vecchio forum e avevo iniziato il mio percorso sei anni fa.
Sono colpita dall'equilibiro e dalla profondita di Gloria e Paolina; l'equlibrio in particolare è un fattore cruciale nella transizione, che è un'esperienza che l'equilibrio tende a metterlo molto in gioco.
Mi piace l'immagine del foglio stropicciato e delle alcune righe che si devono necessariamente cancellare, perché sì, non sono tutti così d'accordo e qualcuno si allontana,
Gloria ha espresso meravigliosamente questa idea.
Ancora a Gloria dico che le MtF non sono rare e preziose come pare inizialmente, e che aver fatto una cosa prima di noi non le rende migliori, e anche di stare alla larga dalle trans che fanno classifiche tipo "io sono meglio di te perché tu sei un travestito", perché non sono quelle le persone che ci aiuteranno.
Ne ho trovate diverse commettendo lo stesso errore di consderare certe persone "preziose" solo perché avevano già ingoiato una pastiglietta, o si erano rifatte il seno o addirittura la patata, ma non ho avuto molto in cambio, se non in certi frangenti il disprezzo che ha portato sofferenza.
Cercate, se potete, il confronto con persone cha hanno uno spessore, che non giudicano e che sanno stare in ascolto.
Vi auguro ogni bene,
Laura
Avatar utente
Andrea
Princess
Princess
Messaggi: 3208
Iscritto il: martedì 28 ottobre 2014, 6:20
Località: Torino
Età: 60
Contatta:

Re: Il lungo viaggio di Leda

Messaggio da Andrea »

kymera ha scritto: Qui ho avuto un sacco di cose "gratis", perché ci sono delle persone straordinarie da cui io non voglio affatto prendere le distanze.
Non lo dimentico.
Riesco solo, e molto di rado, a vedermi con Veronica.
Quelle giornate con lei io sono felice nel vederla radiosa, e mentre siamo insieme noi ci divertiamo, parliamo, siamo presenti, lei gioisce della mia "nuova" vita e io di vederla contenta di quello spazio che le è indispensabile.
A volte lei dice qualcosa che suona un po' come "tu hai fatto qualcosa di grandioso, non sei come me", e invece io la sento come me.
Anzi, per la verità decisamente più bella : Wink :
Mi perdonerete se estrapolo solo queste parole di Laura non per mettermi al centro ma solo per ringraziarla pubblicamente di queste bellissime parole che mi emozionano e rendono felice.

Ci vediamo con lei una volta all'anno ma è come se ci fossimo lasciate da mezza giornata: questa è la meraviglia di legami e relazioni che continuano nonostante la distanza e gli impegni di vita.

E anche se non sei più presente come una volta, cara Laura, la tua ricchezza e profondità sono diventate un modello per tante di noi e sei nel cuore di tutte coloro che ti hanno conosciuta.

Very
L'identità è qualcosa a cui non si può sfuggire (Susan Faludi)

La verità è che i nomi ci scelgono ancora prima di pronunciarli (Giovanna Cristina Vivinetto)
Avatar utente
kymera
Teen
Teen
Messaggi: 73
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 18:51
Località: Milano
Età: 55

Re: Il lungo viaggio di Leda

Messaggio da kymera »

Veronica : Love :
Avatar utente
Lilychanel
Lady
Lady
Messaggi: 564
Iscritto il: mercoledì 26 aprile 2017, 9:51
Località: Roma Italia
Età: 51
Contatta:

Re: Il lungo viaggio di Leda

Messaggio da Lilychanel »

Che dire, a volte rimango senza parole.
Ho letto l'articolo quasi senza respirare, con un nodo alla gola e l'empatia verso Leda, che non ho conosciuto ma alla quale va tutto il mio affetto e supporto, seppur virtuale.
E' un mondo così variopinto e stratificato il nostro, che è difficile davvero, coglierne tutti gli aspetti, forse anche a noi stesse per prime.
Forse un forum per cd non può essere di aiuto ( citando Laura ) ma io conoscendo questo di forum, sono rinata.
A volte penso anche io alla transizione, ho fatto il test di Cogiati, e sono risultata androgino, e probabilmente è la specificità in cui mi ritrovo di ' più.
In ogni caso siamo tutte in viaggio.
Un viaggi lungo una vita, o un respiro, non ha importanza.
Quello che davvero conta è riemergere dal nostro abisso, con una luce negli occhi e un sorriso sulle labbra.
Tutti sono d'accordo nel riconoscere che nella specie umana sono comprese le femmine, le quali costituiscono oggi come in passato circa mezza umanità del genere umano; e tuttavia ci dicono 'la femminilità è in pericolo'; ci esortano: 'siate donne, restate donne, divenite donne'. Dunque non è detto che ogni essere umano di genere femminile sia una donna; bisogna che partecipi di quell'essenza velata dal mistero e dal dubbio che è la femminilità.

Simone de Beauvoir
Rispondi