Crossdressing e passività

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda Fabiana/Andrea » lunedì 29 gennaio 2018, 10:05

sissyErossella ha scritto:Ciao a tutte,
avevamo aperto un post simile già nel vecchio forum, ma volevamo ampliare il discorso e sentire il parere anche delle nuovo arrivate.
Quando siete en femme assumete un ruolo passivo nella vostra sfera sessuale? Per ruolo passivo non intendo per forza il rapporto con un uomo, ma anche con una donna, come ad esempio la vostra compagna.
Se la risposta è si, volevo sapere anche se questo ruolo si estende anche quando siete en homme, oppure è collegato solo al crossdressing?

Io (Sissy) quando sono en femme, pur non essendo attratto da uomini, con la mia compagna assumo un ruolo per lo più passivo. Inoltre con lei mi è capitato di avere un ruolo passivo raramente anche quando non sono en femme; tuttavia preferisco essere passivo solo quando indosso abiti femminili.


So che sto rispondendo ad un post piuttosto vecchio ma forse è una delle tematiche che mi incuriosiscono di più e permettono di parlare di me.
In questi ultimi anni ho sempre voluto e sentito il bisogno di sperimentare un ruolo passivo con la mia compagna tipo guardarla mentre è con un altro, cosa che abbiamo anche fatto. Ma con il tempo ho notato che tutto ciò non mi bastava, non sentivo soddisfatta la mia voglia di poter essere passivo. E così quasi spontaneamente è sorta in me la voglia di indossare abiti femminili, di sentirmi donna: ora ciò che penso è che forse la mia voglia di passività sia connessa al mio animo in cui è presente una componente che oserei dire femminile. Infatti i pomeriggi o mattine passate enfemme mi sento a mio agio, soddisfatta, anzi quasi realizzata.
A tutto questo si aggiunge il fatto che non di rado da quando sono ragazzino mi è capitato di avere fantasie omoerotiche. Quando sono enfemme ho forti fantasie omoerotiche, la voglia scalpita in me, mi atteggio a gatta morta, e sembra quasi che, come ho letto già in altre qui sul forum, la voglia di essere presa da un uomo sia un po' un modo di arrivare all'apice della mia femminilità, sentirmi donna in tutto e per tutto mentalmente.
Avatar utente
Fabiana/Andrea
Baby
Baby
 
Messaggi: 13
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2018, 11:20
Località: Bari, Puglia

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda angelaingrid » lunedì 29 gennaio 2018, 10:49

Avere fantasie omoerotiche quando si è en femme è (quasi) la norma tra di noi (o comunque una cosa assai diffusa), la cosa non deve stupire.
Quando poi però si presenta l'occasione di dare corpo ad esse, allora la maggior parte di noi ingrana la retromarcia e si dà alla fuga... è anche questa la norma.
Angela Ingrid non è così. È che la disegnano così.
Avatar utente
angelaingrid
Princess
Princess
 
Messaggi: 3561
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2014, 15:29
Località: Livorno

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda Fabiana/Andrea » lunedì 29 gennaio 2018, 10:55

Io ad essere sincera non ho ancora avuto l'occasione giusta, è difficile fidarsi, vi sono tante paure: la paura di pentirsene e non riuscire a gestire il senso di colpa per un tradimento (parlo per me che sono fidanzato), la paura di trovare uomini maneschi o che hanno idee strane (purtroppo l'unico luogo virtuale dove cerco di entrare in contatto con uomini interessati sono le varie chat in cui c'è di tutto), la paura delle malattie.
Avatar utente
Fabiana/Andrea
Baby
Baby
 
Messaggi: 13
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2018, 11:20
Località: Bari, Puglia

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda velia67 » lunedì 29 gennaio 2018, 10:56

A tutto questo si aggiunge il fatto che non di rado da quando sono ragazzino mi è capitato di avere fantasie omoerotiche. Quando sono enfemme ho forti fantasie omoerotiche, la voglia scalpita in me, mi atteggio a gatta morta, e sembra quasi che, come ho letto già in altre qui sul forum, la voglia di essere presa da un uomo sia un po' un modo di arrivare all'apice della mia femminilità, sentirmi donna in tutto e per tutto mentalmente.[/quote]
per quanto mi riguarda queste fantasie ....omeoerotiche(che paroloni),erano un'apetto di Velia che mano mano cercava la perfezione,adesso non fanno parte piu' di fantasia,ma di una parte di me stessa.
Avatar utente
velia67
Lady
Lady
 
Messaggi: 703
Iscritto il: mercoledì 8 aprile 2015, 17:58
Località: napoli

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda AmbraAngio » lunedì 29 gennaio 2018, 11:24

Mi ci ritrovo nel pensiero di Velia.
Avatar utente
AmbraAngio
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 186
Iscritto il: giovedì 19 ottobre 2017, 9:31
Località: Bari

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda duelunesole » lunedì 29 gennaio 2018, 21:35

angelaingrid ha scritto:Avere fantasie omoerotiche quando si è en femme è (quasi) la norma tra di noi (o comunque una cosa assai diffusa), la cosa non deve stupire.
Quando poi però si presenta l'occasione di dare corpo ad esse, allora la maggior parte di noi ingrana la retromarcia e si dà alla fuga... è anche questa la norma.


io sono l'eccezione che conferma la regola allora essendo bsx indipendentemente da come sono vestit*, ovvio che enfemme vado più sugli uomini mentre enhomme sulle donne .. ma non è assolutamente la norma e tutte le combinazioni possono realizzarsi. L'unica cosa che conta è stare bene con se stessi a prescindere ... : Chessygrin :
Avatar utente
duelunesole
Teen
Teen
 
Messaggi: 59
Iscritto il: lunedì 9 marzo 2015, 20:36
Località: torino

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda lustculture » mercoledì 21 febbraio 2018, 17:32

Passivissima en femme!!! Esattamente il contrario di come mi sento nei miei panni regolari...in realtà credo esista un filo comune tra l'Io di tutti i giorni e Lilith..il primo, grande stimatore del corpo femminile e alla ricerca del possedimento totale del corpo maschile e Lilith, malizioso esserino che immagina di essere posseduta da più uomini insieme..sì, la connessione tra i due è proprio immaginare una stessa scena vista dai due attori, per spiegarmi meglio, l'Io di tutti giorni vede una scena di sesso di gruppo con più uomini su una donna, Lilith immagina di essere quella donna...
Avatar utente
lustculture
Baby
Baby
 
Messaggi: 10
Iscritto il: sabato 17 febbraio 2018, 13:43
Località: Torino

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda spioncino. » giovedì 22 febbraio 2018, 9:26

ho letto buona parte delle 21 pagine della discussione, non tutte. Non credevo, alla fine , di non essere in grado di dare una risposta, scrivere un post "univoco". Forse meglio così, altrimenti sarebbe suonato come un giudizio. Ci sono talmente tante sfaccettature, modi diversi di vere le esperienza che è impossibile racchiuderli tutti in un post, una definizione. Forse è vero che il crossdressing fa uscire la parte femminile che è in ogni essere umano e che se ti approccio mentre sei "en femme" è quella che cerco.
L'unica considerazione che mi viene è che in fondo la distinzione rigida tra uomo e donna, maschio e femmina ce la siamo dati noi stessi, con la cultura e la religione. Forse sarebbe meglio pensare al sesso, al rapporto intimo con un altro essere umano semplicemente come la condivisione del piacere, di tante belle sensazioni e poi "liberi tutti", ognuno a far l'amore come gli pare, come cantava Lucio Dalla.
Spy
Avatar utente
spioncino.
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 102
Iscritto il: lunedì 12 febbraio 2018, 9:10
Località: Alessandria - Piemonte

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda misterix » giovedì 22 febbraio 2018, 11:22

spioncino. ha scritto:ho letto buona parte delle 21 pagine della discussione, non tutte. Non credevo, alla fine , di non essere in grado di dare una risposta, scrivere un post "univoco". Forse meglio così, altrimenti sarebbe suonato come un giudizio. Ci sono talmente tante sfaccettature, modi diversi di vere le esperienza che è impossibile racchiuderli tutti in un post, una definizione. Forse è vero che il crossdressing fa uscire la parte femminile che è in ogni essere umano e che se ti approccio mentre sei "en femme" è quella che cerco.
L'unica considerazione che mi viene è che in fondo la distinzione rigida tra uomo e donna, maschio e femmina ce la siamo dati noi stessi, con la cultura e la religione. Forse sarebbe meglio pensare al sesso, al rapporto intimo con un altro essere umano semplicemente come la condivisione del piacere, di tante belle sensazioni e poi "liberi tutti", ognuno a far l'amore come gli pare, come cantava Lucio Dalla.

Parole sante, ma purtroppo qualcosa è andato storto, nel senso che c'è stato un periodo storico in cui tra maschi e femmine non c'era quasi distinzione nel modo di vestire, trucco, capelli e scarpe, poi con l'evoluzione è cambiato tutto, c'è stata una netta distinzione tra uomo e donna con un assegnazione e distinzione precisa di cose per l'uno e per l'altra, peccato veramente. comunque non mi dilungo altrimenti vado fuori tema : Wink :
per quanto riguarda la passività o meno, credo che alla maggior parte di noi specialmente quando siamo enfemme, qualche pensierino di passività ci passa nella mente!!!


Marica
Avatar utente
misterix
Lady
Lady
 
Messaggi: 501
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 18:30
Località: altamura

Re: Crossdressing e passività

Messaggioda spioncino. » giovedì 22 febbraio 2018, 11:27

Rimanendo off topic, credo che l'(in)evoluzione si stata determinata da fattori sociali e religiosi, piu' che dall'istinto dell essere umano

toglierei il termine passivita', è brutto. Penso che sia normale che en femme si sia piu' propensi "a ricevere", a rivestire un ruolo femminile appunto.
Spy
Avatar utente
spioncino.
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 102
Iscritto il: lunedì 12 febbraio 2018, 9:10
Località: Alessandria - Piemonte

PrecedenteProssimo


Torna a Sessualità




Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
cron