Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda angelaingrid » martedì 17 aprile 2018, 11:45

Abbiate pazienza, ma mi sa che il topic sta letteralmente deragliando.

Tanto per cominciare: quando mai fare sesso passivo colà è sinonimo di femminilità?!?
Ma lo sapete quante ragazze bellissime e femminilissime tirerebbero fuori un'accetta alla sola richiesta di quel genere?
Dove sta scritto che una ragazza bio deve sentirsi compiaciuta dal sentirsi corteggiata e dal fatto che qualche maschio allupato ci provi?
Che io sappia nessuna bio si sente appagata da ciò, a meno che non ci siano altre cose in mezzo di facile intuizione. Quando escono a passeggio le ragazze vogliono solo essere lasciate in pace, senza tanti mosconi intorno.

Insomma: essere corteggiate per strada o in un locale NON è gratificante per una donna bio. E non vedo perché dovrebbe esserlo per me.

Sul fatto poi che "non so cosa mi perdo" la mia risposta è "grazie, la cosa non m'interessa comunque". Non so cosa mi perdo nemmeno a non fare paracadutismo da 2.000 metri, non scalare il K2, non fare parapendìo, bungee jumping o non fumare sigari cubani se non peggio, ma sono tutte cose che non m'interessano in nessun caso e ve le lascio più che volentieri.
Una volta fui rimproverata (sai che colpa!) perché "non prendevo in considerazioni le terminazioni prostatiche e il piacere che danno", al che risposi "il primo che si avvicina alle mie terminazioni prostatiche si becca una mattonata proprio lì".
Angela Ingrid non è così. È che la disegnano così.
Avatar utente
angelaingrid
Princess
Princess
 
Messaggi: 3561
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2014, 15:29
Località: Livorno

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Frida » martedì 17 aprile 2018, 13:37

Chicca.love ha scritto: ... io affermo solamente che quando mi è capitato di vivere en femm ho provato attrazione e voglia di essere trattata e amata da donna sia con uomini o sorelline. Mentre nella vita diciamo ordinaria anche se ho avuto infinite possibilità non sono mai stato atratto da uomini o assumere ruoli femmini.


Prendo spunto da questa tua affermazione che mi sembra centrale nel dibattito per fare qualche mia personale riflessione.

Quanto affermi è un fatto percettivo individuale e se ti va bene così non c'è molto da aggiungere.

Invece dibattere con la pretesa di conoscere la soggettività altrui non fa altro che portare a esempi espliciti, giusto per "capirsi". Ciò che affermi basterebbe già per capire che non esistono componenti omosessuali, femminili o altre plusdotazioni psichiche.

angelaingrid ha scritto:Abbiate pazienza, ma mi sa che il topic sta letteralmente deragliando.


Prendere come riferimento oggettivo un atto sessuale per etichettare a caso una persona non aiuta nessun dibattito. Ad esempio: "se fai questo allora sei... se lo fai poco allora sei poco... se lo fai il venerdì... allora... " e così via fino a parlare di aria fritta. Non si possono vedere tutte le cose da una sola prospettiva di vero o falso. Non funziona sempre così.

Parlare del proprio vissuto come se fosse oggettivo porta a credere che la percezione altrui debba per forza coincidere con la propria. Poi ci credo che il tema inizia a deragliare se tutti.e cominciano a esemplificare il proprio punto di vista come oggettivo.
"Una voce chiama da Seir in Edom: sentinella quanto durerà ancora la notte? E la sentinella risponde: verrà il mattino ma è ancora notte; se volete domandare ritornate un' altra volta"
Avatar utente
Frida
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2431
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2015, 1:46
Località: Milano

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Monica Poli » martedì 17 aprile 2018, 15:44

A me interessa molto il punto di vista di Angela.
Le dice: "Il mio eccitamento consiste proprio nel continuare a sentirmi maschio sotto tutta quell'impalcatura esteriore, senza nessunissimo interesse a voler provare altre cose che competono alle donne".
Io penso che il punto critico stia qui.
Angela, come afferma, non ha nessunissimo interesse a voler provare altre cose. Questo significa che "le bastano" quelle che prova. In pratica è quello il suo confine.
Un confine che magari per altre persone, totalmente estranee, rappresenta già una terribile perversione di stampo omosessuale da evitare ad ogni costo. Perché, come si sa, tutto è relativo.
Fatto sta che il suo interesse a provare cose che competono alle donne si limita all'usare vestiti, trucchi, scarpe col tacco, e magari alle uscite tra la gente con quell’impalcatura.
Questo per dire che il "confine" di Angela è relativo alla sua persona, e che per altre persone quel suo personale confine è già una perversione omosessuale mentre altre ancora sarebbero disponibili, con le stesse modalità e per le stesse ragioni di Angela, a spostare quel confine ben più avanti. Perché questi confini non sono assoluti ma relativi e personali.
Ciò significa che non è possibile stabilire attraverso gli atti, i comportamenti e le azioni delle persone fino a che punto si è etero e da quale punto in poi si è "omo", né si può prendere come riferimento il proprio personale punto di vista e le proprie convinzioni.
Lo si può stabilire solo ed unicamente attraverso le proprie intime percezioni, attraverso i propri sentimenti e analizzando le proprie attrazioni.
Al giorno d'oggi è molto difficile essere una donna. Specialmente se sei un uomo.
Avatar utente
Monica Poli
Queen
Queen
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 5136
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 10:18
Località: NOVARA

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Chicca.love » martedì 17 aprile 2018, 17:51

Monica Poli ha scritto:A me interessa molto il punto di vista di Angela.
Le dice: "Il mio eccitamento consiste proprio nel continuare a sentirmi maschio sotto tutta quell'impalcatura esteriore, senza nessunissimo interesse a voler provare altre cose che competono alle donne".
Io penso che il punto critico stia qui.
Angela, come afferma, non ha nessunissimo interesse a voler provare altre cose. Questo significa che "le bastano" quelle che prova. In pratica è quello il suo confine.
Un confine che magari per altre persone, totalmente estranee, rappresenta già una terribile perversione di stampo omosessuale da evitare ad ogni costo. Perché, come si sa, tutto è relativo.
Fatto sta che il suo interesse a provare cose che competono alle donne si limita all'usare vestiti, trucchi, scarpe col tacco, e magari alle uscite tra la gente con quell’impalcatura.
Questo per dire che il "confine" di Angela è relativo alla sua persona, e che per altre persone quel suo personale confine è già una perversione omosessuale mentre altre ancora sarebbero disponibili, con le stesse modalità e per le stesse ragioni di Angela, a spostare quel confine ben più avanti. Perché questi confini non sono assoluti ma relativi e personali.
Ciò significa che non è possibile stabilire attraverso gli atti, i comportamenti e le azioni delle persone fino a che punto si è etero e da quale punto in poi si è "omo", né si può prendere come riferimento il proprio personale punto di vista e le proprie convinzioni.
Lo si può stabilire solo ed unicamente attraverso le proprie intime percezioni, attraverso i propri sentimenti e analizzando le proprie attrazioni.






HAI TRADOTTO IN PAROLE IL MIO PENSIERO
Avatar utente
Chicca.love
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 128
Iscritto il: giovedì 8 marzo 2018, 18:34
Località: Toscana

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda strano72 » martedì 17 aprile 2018, 21:20

Provo a sbrogliare ulteriormente la matassa, anche condensando dal senso ultimo di alcuni degli interventi precedenti. Pensiamo un po' a delle scale. No, non quelle che si salgono e scendono: degli indicatori, quadranti a lancette o strumenti che mostrano numeri, insomma.


C'e' il crossdressing stesso: quanto lo si vive e con quanta voglia, in privato, in pubblico, eccetera, ma soprattutto perche'. Per qualcuno e' un hobby, come il cosplay, poi c'e' tutta una serie di situazioni in cui il crossdressing e' mezzo o fine di qualcosa di piu' serio, in qualche caso anteprima di un futuro desiderato da chi desidera la transizione fisica e completa all'altro genere.

C'e' la femminilita': secondo me e' giusto averla slegata almeno un pochino dalla sessualita'; sara' cosi' finche' ci sara' almeno una persona che si sente a proprio agio per il solo fatto di svegliarsi, al mattino, in camicia da notte. Anche per quella c'e' una scala crescente: si parte dall'aspetto fisico cercato per se' attraverso l'abbigliamento, oppure dallo stile di vita; ma senza dubbio ci sono comunque situazioni anche piu'... diciamo "impegnative", mi sembra un vocabolo piu' neutro.

C'e' la sessualita', ed e' proprio in una sezione di questo forum in cui si parla di "quelle cose" che e' nato l'interrogativo, quindi e' molto difficile ignorarlo in questa discussione (chi ha raggiunto la pace dei sensi fa testo, a proposito?).
Mi e' sembrato ci sia una maggioranza di persone che non vorrebbero un'avventura, che so, con Freddy Mercury o con uno dei Village People; pero' non e' un segreto che il mondo gay nella forma piu' chiacchierata (che pare rappresenti proprio il grosso dell'omosessualita' maschile) sia letteralmente pieno di persone che vogliono esattamente quel genere di esperienza, romantica o no che sia. Di fronte a loro, proprio quelli di noi (e perdonate se continuo a usare il maschile) che si spingerebbero oltre il flirt (che e' un "giocare alla donna" molto affine alla scala precedente, di cui forse costituisce un confine) fino al rapporto completo o molto vicino ad esso fanno addirittura una categoria a parte, che si manifesta in termini di sfumature, cioe' in termini di cosa si e' disposti a fare oppure no, e per chi.


Alla luce di questo, e senza la minima pretesa di esprimere giudizi sul prossimo, il legame tra il crossdressing e una certa sessualita' passiva, e addirittura con chi, cioe' con un uomo, una donna, una "sorellina", mi sembra una questione individuale, una "variabile indipendente" e non una regola dettata con certezza. Se si voleva tentare della psicologia spicciola o della statistica, credo si possa dire chiaramente che non c'e' correlazione certa. Se voleva essere una provocazione (ma a questo credo gia' molto meno) temo proprio sia riuscita perfettamente, visto il gran vespaio che si e' sollevato.
--I'm a man, a woman, a gay, a lesbian, a genderless human, a pansexual, a cat, a positronic robot, anything!
Avatar utente
strano72
Lady
Lady
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 634
Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2017, 22:40
Località: Milano

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Katymakeup » mercoledì 18 aprile 2018, 18:15

La mia è stata una provocazione bella e buona ma che ha fatto riflettere anche se non ho trovato ancora risposta soddisfacente.
Detto questo pace e bene.
Ognuno la viva con serenità a modo suo.
Avatar utente
Katymakeup
Lady
Lady
 
Messaggi: 778
Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2016, 18:29
Località: lodi provncia

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Monica Poli » giovedì 19 aprile 2018, 6:34

Katymakeup ha scritto:La mia è stata una provocazione bella e buona ma che ha fatto riflettere anche se non ho trovato ancora risposta soddisfacente.
Detto questo pace e bene.
Ognuno la viva con serenità a modo suo.

Siccome la discussione ha offerto spunti interessantissimi, potresti dire sinteticamente cosa ancora non ti convince così magari qualcuno, altrettanto sinteticamente, può cercare di dissipare le ultime nebbie...
Quanto alla serenità, a volte penso (ma sia chiaro non mi riferisco a nessuno in particolare) che ci siano persone terrorizzate dall’idea che il piacere nel travestirsi possa essere in qualche modo associato all’omosessualità, tanto da rifuggire ogni azione anche minima che possa anche solo lontanamente richiamarla.
Invece le persone che sanno separare e distinguere il loro piacere di travestirsi, di uscire e di divertirsi dai loro ssentimenti più intimi e dalle proprie reali attrazioni, mi pare dimostrato che vivano la cosa con grande serenità.
Al giorno d'oggi è molto difficile essere una donna. Specialmente se sei un uomo.
Avatar utente
Monica Poli
Queen
Queen
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 5136
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 10:18
Località: NOVARA

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Katymakeup » giovedì 19 aprile 2018, 13:25

Mi riferivo al tuo pensiero che l'uomo è solo un mezzo per soddisfare la voglia di femminilità.
Ma se io trovo altri modi altrettanto validi di soddisfarmi tornereste lo stesso dall'uomo? (Avevo fatto gli esempi di una trans, una donna e una cd come noi)
Se è così è perchè oltre alla voglia di soddisfarmi cerco anche un qualcosa in più che vorrei capire dato che chi lo fa non si ritiene almeno bisex.
Avatar utente
Katymakeup
Lady
Lady
 
Messaggi: 778
Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2016, 18:29
Località: lodi provncia

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Monica Poli » giovedì 19 aprile 2018, 17:47

La tua domanda, anche per come è scritta, non è chiarissima.
Però posso dire che probabilmente non si tratta di soddisfare un desiderio di femminilità ma di una necessità di percepirsi ed essere percepiti conme donne.
Se questo è vero, non penso proprio che possa avvenire con una trans o altro del genere.
Io credo che molti raggiungano il massimo di questa percezione quando si trovano tra le braccia di un uomo, specialmente se questo è convinto di abbracciare una vera donna.
Ma, ripeto, l’uomo in sé non interessa. Interessa ed eccita solo la situazione, ed è finalizzata esclusivamente al proprio personale piacere di cui l’uomo è inconsapevole tramite.
Al giorno d'oggi è molto difficile essere una donna. Specialmente se sei un uomo.
Avatar utente
Monica Poli
Queen
Queen
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 5136
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 10:18
Località: NOVARA

Re: Solo desiderio di indossare abiti femminili o c'è altro?

Messaggioda Frida » martedì 24 aprile 2018, 4:10

Katymakeup ha scritto:Mi riferivo al tuo pensiero che l'uomo è solo un mezzo per soddisfare la voglia di femminilità.
Ma se io trovo altri modi altrettanto validi di soddisfarmi tornereste lo stesso dall'uomo? (Avevo fatto gli esempi di una trans, una donna e una cd come noi)
Se è così è perchè oltre alla voglia di soddisfarmi cerco anche un qualcosa in più che vorrei capire dato che chi lo fa non si ritiene almeno bisex.


Mi chiedo perchè ci sia sempre bisogno di provocare per riflettere su qualche tema o per trovare risposte soddisfacenti.

E' noto che i feticisti cercano di contenere i loro impulsi aggressivi "sessualizzando" alcuni oggetti o alcune situazioni con altre persone. I modi possono essere tra quelli citati prima. Resta il fatto che la suddetta "voglia di femminilità" a "orologeria" trova un posto più facilmente tra le perversioni sessuali che tra le sessualità individuali. Il motivo per cui si preferisce coinvolgere un maschio non dipende solo dal gradiente di "soddisfazione dell'attrezzatura" ma dal tipo di perversione feticista. Per questa ragione non si può ritenere bisex chi attiva un interesse transitorio per le persone dello stesso sesso solo durante il travestimento. Atti sessuali, sessualità e sessualizzazione vanno tenuti distinti per cominciare a districarsi nella complessità dei vari comportamenti.

Un carattere tipico del feticismo, a mio avviso sempre più tangibile nei vari dibattiti, è che il feticista vive in due realtà separate: una realtà è quella che lo mantiene legato al mondo delle relazioni umane mentre la seconda é quella che lo spinge verso una convinzione delirante, come ad esempio cominciare a credere di essere una donna.
"Una voce chiama da Seir in Edom: sentinella quanto durerà ancora la notte? E la sentinella risponde: verrà il mattino ma è ancora notte; se volete domandare ritornate un' altra volta"
Avatar utente
Frida
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2431
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2015, 1:46
Località: Milano

PrecedenteProssimo


Torna a Sessualità




Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010