Kitten & Co.

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » domenica 3 marzo 2019, 7:13

Frutto dell'eleganza militare, desiderano anche il marzial rigore nell'indossarle!


Décolleté d'Orsay




Alfred Guillaume Gabriel Grimod, conte d'Orsay, figlio di un generale e una baronessa nasce a Parigi nel 1801. Personalità complessa accetta le regole del mondo in cui vive a un livello superficiale, ostenta eleganza dei modi e nel vestire. Ufficiale della guardia del corpo di Luigi XVIII è stato anche pittore, scultore, mecenate ma soprattutto un dandy.


Immagine


Il suo animo d'artista ha creato molti profumi i quali saranno la base della odierna Compagnie française des parfums d’Orsay, uno stile di carrozza « coupé d’Orsay » e un genere di scarpe.

Immagine


Le décolleté D'Orsay, a quanto pare nate nel 1838, furono la reinterpretazione del conte al modello di calzatura in voga allora e divennero talmente popolari fra le nobildonne che decretandone il successo, diventarono una moda.
Scollatura profonda fino a far intravedere le dita, dorso del piede scoperto,tomaia in pelle attillata, un tacco di qualche centimetro e... un fianco aperto per far vedere l'arco plantare.


Immagine


Una rivoluzione.

Ancora oggi la décolleté D'Orsay ha la stessa fisionomia, lascia scoperto uno dei due lati della calzatura, in genere quello interno per far vedere il sensuale arco plantare. Alcune volte ha ambedue i fianchi aperti scoprendo i lati del piede e con la punta aperta facendola assomigliare ad un sandalo.

Immagine







Fedele a se stessa, elegante e raffinata si può trovare sia con tacco molto alto che quasi rasoterra ma in ogni caso è sempre una calzatura impegnativa da indossare. La punta e il tallone non avendo soluzione di continuità sono causa di scarsa tenuta del piede.

Infatti come ogni décolleté l'estremità è trattenuta dal binomio punta-tallone e i fianchi della calzatura servono a conferire rigidità e aderenza nell'insieme. Mancando uno o due lati la stabilità è compromessa.

Immagine


Le d'Orsay se economiche saranno troppo rigide per camminarvi quindi offriranno poca aderenza e tenderanno a sfuggire da dietro, mentre calzeranno alla perfezione se costruite di buona fattura e con la maestria che si conviene.
I produttori hanno comunque sopperito al problema aggiungendo al modello originale dei cinturini, i quali trattenendo il collo oppure la caviglia del piede permettono d'indossare questo fantastico modello con più facilità.


Immagine


Purtroppo questo escamotage è a discapito del colpo d'occhio che una décolleté deve dare, cioè la continuità della gamba per far slanciare la figura e far sembrare tutte più alte.










Coffee
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Marcellacd » domenica 3 marzo 2019, 15:54

bellissimo post, mai avrei pensato che certe scarpe esistessero gia nell'800.
Avatar utente
Marcellacd
Baby
Baby
 
Messaggi: 31
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2016, 23:57
Località: lazio

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » martedì 5 marzo 2019, 14:42

Marcellacd ha scritto:bellissimo post, mai avrei pensato che certe scarpe esistessero gia nell'800.


Buongiorno,
grazie mille del complimento.
Credo che un oggetto se nasce con forme pulite, buona funzionalità e discreta praticità d'uso possa tranquillamente superare indenne i decenni.
Naturalmente sarà influenzato dalle mode passeggere, aggiornato nella tecnologia ma sarà sempre fedele a se stesso diventando un classIco o evergreen che dir si voglia.
Un esempio totalmente slacciato dal contesto calzature? Pensa alla classica lampadina da 60w del '900. Sempre uguale! Per i vari neon, lampade a scarica, alogene, risparmio energetico fino al led non c'è stata storia.
Alla fine sono sempre ritornati alla forma della vecchia cara lampadina ma con un cuore più performante.

Ma non divaghiamo, le décolleté hanno dettato legge e penso che lo faranno per molto tempo. In ogno modo ho ancora qualcosa da raccontar su di esse!

Una curiosità: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Lampadina_centenaria
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » giovedì 7 marzo 2019, 9:36

Il suo successo? Tante belle qualità e due madrine.


Décolleté Mary Jane



Immagine


All'inizio del XX secolo le classiche calzature infantili erano ben definite: tacco basso quadrato per una postura corretta, punta arrotondata per un maggior comfort, pelle lucida nera o vernice, un cinturino sul collo del piede con un sol bottone o un fermaglio per permettere un'aderenza al piede senza eguali.

Le caratteristiche erano: flessibilità, morbidezza e leggerezza. Tutto questo era d'aiuto al bambino a muovere i primi passi.

Una calzatura essenziale, pratica e di larga diffusione la quale era generalmente indossata con delle calze bianche da ambedue i sessi. Il suo nome? Bar shoes, ma vengono chiamate anche bebè, bébé e baby.

Le bar shoes sono nate nell'800 indossate dai bambini per le loro indiscusse qualità, ma anche dalle giovani donne in ogni occasione. Confezionate in pelle morbida con colori che riprendessero il vestito da sera venivano utilizzate anche nelle serate da ballo.


Immagine


Nel 1902 un fumetto creato da Richard Outcault ha come protagonisti Buster Brown e la sua sorellina Mary Jane.
La quale, naturalmente, indossava le scarpe in voga allora. Così il suo nome fu dato a questo tipo di calzature, le quali iniziarono a diventare a poco a poco di uso sempre più femminile. In seguito il personaggio fu adottato dalla Brown Shoe Company un grande calzaturificio del Missouri (USA) che pubblicizza il prodotto con i personaggi del fumetto.
Infatti Mary Jane, nonostante sia utilizzato da tutti i produttori, è un termine legalmente registrato dalla compagnia.
La spinta definitiva verso la connotazione femminile fu data da una bambina prodigio, Shirley Temple sfoggiandole nel cinema e in tutte le sue attività.




Immagine

Negli anni venti le Mary Jane vengono utilizzate dalle donne che respiarano anticonformismo e modernità poichè rievocano la gioventù. Infatti si è alla ricerca della freschezza giovanile e della spensieratezza del periodo scolastico che evoca semplicità nell'estetica con linee sottili essenziali ma slanciate. Proprio quest'ultimo inizia a delineare la nuova Mary Jane verso un nuovo cambiamento, un tacco più alto e affusolato con una tomaia composta da materiali pregiati come seta, raso.


Immagine


Le scarpe nate come come calzatura infantile negli anni '40 erano diventate simbolo di femminilità, acquisendo forme sempre più sensuali ma sempre con un'aria sbarazzina donatole dal cinturino sul dorso del piede. Utilizzate indifferentemente dalle donne per cerimonie e occasioni formali. Nel contempo non perdono anche il loro utilizzo fanciullesco e ancora oggi esse sono ancora considerate scarpe classiche per le bambine, da indossare a scuola e nel tempo libero.

Immagine




Negli anni '60 ritornano e dilaga la moda della scarpa da bambina. Questa volta in modo differente, negli anni della rivoluzione alla innocente Mary Jane dei giovani viene dato anche un significato politico/sessuale nonchè di ribellione al sistema.



Immagine





Oggi la versione per adulti può esser flat, con un tacco medio o addirittura dotate di plateau e tacco a stiletto. La moda ha, nel tempo, variato anche il numero dei lacci nonchè il bottone che può aver qualsiasi tipo di fermaglio. Anche la sua posizione varia, sul collo del piede ma anche sul dorso o addirittura più basso vicino alle dita.
Ma in una cosa le Mary Jane non hanno mai cambiato, facilità nell’indossarle, vestibilità e comfort.



Coffee
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » martedì 12 marzo 2019, 2:05

Alla ragazza piace ballare... "bueno" disse Tex Willer



Décolleté T-Bar



Il termine "Bar Pump" indicava le scarpe di moda degli anni '20, racchiudendo molti  tipi di scarpe con il tallone chiuso ispirate alla moda francese con un tacco da 5 a 8 cm. I modelli di scarpe più popolari erano: Mary Jane, T-strap, Pumps, Oxford, Galoshes e Saddle nei classici colori nude, nero, oro e sfumature d'argento.


Immagine


Nate nei primi anni venti queste calzature sono molto simili alle Mary Jane, infatti molti le chiamano erroneamente con lo stesso nome, facendo parte entrambe della stessa famiglia.



Le scarpe "Strap pump" erano nello specifico le scarpe molto appuntite, per poi arrotondarsi verso la metà degli anni venti e diventate quasi quadrate alla fine del decennio, ma sempre dotate di uno o anche più cinturini trasversali sul dorso, longitudinali, incrociati in un motivo a X, ma anche sulla caviglia del piede

Immagine


Le T-bar hanno una striscia longitudinale al centro del piede che parte dalla punta della tomaia e si collega al cinturino trasversale sul collo del piede formando una "T" facilmente riconoscibile. È proprio grazie a questo cinturino a squadro che prendono il nome T-Bar Shoes oppure  Sally Pumps T-Strap.


Immagine





Il termine T-Bar comunque viene associato anche a calzature diverse come connotazione. Infatti le ritroviamo come modello per l'infanzia ma anche prettamente femminili e più leggere come i sandali, ma sempre con la caratteristica del cinturino a T.


Immagine


Erano fatte di materiali diversi, a seconda del loro utilizzo all'interno o all'esterno.
Le scarpe da esterno erano destinate principalmente per camminare o per lo sport, realizzate in pelle di vitello, lucertola, alligatore o capra. Toni morbidi o vernice lucida erano entrambi utilizzati sia per il giorno che per la sera.




Immagine





Le scarpe da interno erano calzature più eleganti, per lo più indossate durante le feste, fatte di raso, pelle di agnello o di gros grain, spesso erano ornate di fili di lillà, perline o ricami speciali che riprendono motivi asiatici o greci con anche tacchi dipinti a mano in oro e argento.




Immagine







Il cinturino a T permetteva alla scarpa di rimanere aderente, era generalmente sottile il che regalava al modello una sensazione ancora più delicata nella calzata e più elegante alla vista mostrando il più possibile il piede.



La loro caratteristica principale le rendevano perfette per il movimento, regalando un'aderenza al piede superiore rispetto alle Mary Jane in concomitanza di un tacco non troppo alto e non troppo sottile, una base non eccessivamente larga ma comoda per favorire l'equilibrio. Una punta arrotondata oppure spuntata ma anche a sandalo le rendevano ottimali per le performance di ballo.



Lo stile di quel periodo era libero, così come l'ascesa del jazz e della danza americana. Quindi anche lo stile nell'abbigliamento era comodo e fanciullesco, ma ben definito e assolutamente stravagante.





Immagine







Sono ancor oggi molto utilizzate nelle sale da ballo, infatti vengono anche chiamate ballroom shoes se costruite con caratteristiche ben precise: flessibilità e morbidezza immediata dei pellami, tacco medio per camminare e danzare in punta di piedi e suola di materiale personalizzato a seconda della pista da ballo.


Immagine


Sempre eleganti nello stile retrò sono molto femminili e chic. Ogni tanto la moda si ricorda di loro e le ripropone nel tempo. Hanno avuto parecchie varianti come ad esempio i fianchi aperti come le décolleté D'Orsay e il cinturino posteriore che passa sopra al tallone del piede scoperto. Ma non sempre erano soluzioni ottimali, infatti quest'ultima dava problemi di stabilità e per questo venne aggiunto un cinturino alla caviglia.

Un décolleté d'orsay con il tallone aperto e un cinturino alla caviglia a Y, quasi un sandalo.








Coffee
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

Re: Kitten & Co.

Messaggioda stefania007 » martedì 12 marzo 2019, 8:02

Fantastica


Stefania Combi
StefaniaCombi
Avatar utente
stefania007
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 266
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 15:04
Località: Interland Milanese

Re: Kitten & Co.

Messaggioda LellaB » martedì 12 marzo 2019, 16:13

Bravo Coffee, ci fai scoprire piccole storie della moda veramente interessanti, soprattutto a noi fanatiche della scarpa col tacco... : Wink :
Antonella : Nar :

Stiletto is more than a model of shoe, it's an attitude...
Avatar utente
LellaB
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 289
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2018, 17:05
Località: Provincia Torino

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » martedì 12 marzo 2019, 23:55

Grazie mille ^.^
Spero che piaccia perché le décolleté non sono finite -.^
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Alyssa » martedì 12 marzo 2019, 23:58

Oltre ad essere tutto molto interessante, stai facendo un lavorone.
Adoro!

: Love :

Inviato dal mio spettegolefono usando i miei polpastrelli
Immagine
Tanto assurdo e fugace è il nostro passaggio per questo mondo, che l’unica cosa che mi rasserena è la consapevolezza di essere stata autentica, di essere la persona più somigliante a me stessa che avrei potuto immaginare.
Immagine
Avatar utente
Alyssa
Moderatrice
Moderatrice
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 1272
Iscritto il: lunedì 16 novembre 2015, 13:29
Località: Provincia di Torino

Re: Kitten & Co.

Messaggioda Coffee » giovedì 14 marzo 2019, 5:48

Alyssa ha scritto:Oltre ad essere tutto molto interessante, stai facendo un lavorone.
Adoro!

: Love :

Inviato dal mio spettegolefono usando i miei polpastrelli



Grazie infinite!
Avatar utente
Coffee
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2018, 15:05
Località: Emilia

PrecedenteProssimo


Torna a Calzature




Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010