L'inglese nella lingua italiana

Moderatori: AnimaSalva, Valentina, Alyssa, Roby, Irene, CristinaV, vernica71, Melissa_chan

Avatar utente
Exys20den
Gurl
Gurl
Messaggi: 145
jedwabna poszewka na poduszkę 40x40
Iscritto il: mercoledì 20 gennaio 2021, 14:10
Località: Bergamo - Italy ;) ;)
Età: 52
Contatta:

Utente incontrata

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da Exys20den »

Penso che ci sia sempre stato qualcosa che "fa figo" e una volta si chiamava in altro modo, forse.
C'è stato chi era figo se sapeva parlare latino e greco antico.
Per un po' ha fatto figo parlare il francese, sopratutto nei salotti piemontesi e lombardi.
Adesso con la rivoluzione informatica che ha messo in contatto tra loro persone ad ogni angolo del mondo, riuscire a parlare un po' di inglese permette di comunicare con chiunque o quasi, o quanto meno di riuscire a capire nel leggere un quotidiano on line o una documentazione tecnica.

Viene quasi automatico usare qualche termine inglese in un discorso giusto per lanciare un messaggio sottointeso di "io so l'inglese… eheheh".
Il guaio è usarlo a sproposito un po' come il prezzemolo.
Exys 20 denari
Adoro indossare i collant! : Wink :

Avatar utente
Exys20den
Gurl
Gurl
Messaggi: 145
Iscritto il: mercoledì 20 gennaio 2021, 14:10
Località: Bergamo - Italy ;) ;)
Età: 52
Contatta:

Utente incontrata

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da Exys20den »

Mari-dany ha scritto: giovedì 24 novembre 2022, 20:18 Altra perla del TG3 questa sera.
L'intervistata, una ricercatrice di Novara, parlando di un nuovo sistema di individuazione di cellule cancerose, prima dice "E' un ottimo strumento", poi ribadisce "E' un ottimo tool".
Penso che siamo veramente all'ultimo stadio....
Ha usato il traduttore di google! : Lol :
Exys 20 denari
Adoro indossare i collant! : Wink :

Avatar utente
angelaingrid
Princess
Princess
Messaggi: 4073
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2014, 15:29
Località: Livorno
Età: 65

Accesso area fotografica

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da angelaingrid »

Appunto: se in italiano non esistono termini corrispondenti, oppure bisogna ricorrere a circonlocuzioni pleonastiche, va benissimo usare l'inglese che è molto più diretto dell'italiano. Paradossalmente ma mica tanto, infatti è più imparentato col latino dell'italiano stesso, e si sa quanto il latino fosse conciso... concisione andata a ramengo nell'italiano dal XVIII secolo in poi, dove si insegnava che nel linguaggio "chi non sa stupir vada alla striglia".
Ma se l'italiano HA la parola corrispondente, dire anglicismi il più delle volte a sproposito mi denota solo un IQ (o QI, fate voi) abbastanza risibile, e fa sorgere in me un enorme complesso di superiorità nei confronti di quella persona.

Contesto però che la parola forum sia di origine inglese: è latinissima, e il plurale non è forums : Andry : ma fora.
Angela Ingrid non è così. È che la disegnano così.

Avatar utente
LellaB
Princess
Princess
Messaggi: 1593
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2018, 17:05
Località: Provincia Torino
Età: 68
Contatta:

Utente incontrata

Accesso area fotografica

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da LellaB »

angelaingrid ha scritto: giovedì 24 novembre 2022, 22:04
[…]

Contesto però che la parola forum sia di origine inglese: è latinissima, e il plurale non è forums : Andry : ma fora.
Brava Angela!!!
Antonella : Nar :

E' facile essere una femmina, bastano un paio di tacchi a spillo e abiti succinti. Ma per essere DONNA ti devi vestire il cervello di carattere, personalità e coraggio (Anna Magnani)

Avatar utente
LauraB
Queen
Queen
Messaggi: 5749
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 22:10
Località: Brescia
Età: 58
Contatta:

Utente incontrata

Donna

Accesso area fotografica

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da LauraB »

angelaingrid ha scritto: giovedì 24 novembre 2022, 22:04 Contesto però che la parola forum sia di origine inglese: è latinissima, e il plurale non è forums ma fora.
confermo, il latino purtroppo è spesso vittima dell'"anglicismo".
Come dicevo, abbiamo dei problemi ogni tanto. basterebbe verificare su google.. : Chessygrin :
Laura Bianchi

Avatar utente
Steffi Ritzka
Gurl
Gurl
Messaggi: 431
Iscritto il: martedì 12 ottobre 2021, 3:37
Località: Terni
Età: 57

Utente incontrata

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da Steffi Ritzka »

Che l'utilizzo dei vari neologismi stranieri nella nostra lingua corrente sia ormai dilagante è un dato di fatto, Ma che questo possa rappresentare una evoluzione della lingua ho qualche dubbio francamente... la nostra lingua è talmente completa che non necessiterebbe di nessuna introduzione specialmente da vocabolari stranieri; Eppure viene sporcata continuamente da parole o frasi di derivazione estranea... si può tollerare per quieto vivere ma resta l'amarezza nel vedere bistrattata una lingua che è un capolavoro. Se un neologismo straniero servisse a descrivere qualcosa che nella nostra lingua sarebbe impossibile o complicato potrei anche capire Ma non è il nostro caso ce ne sarebbe abbastanza per descrivere qualunque cosa e per dare un nome a tutto quanto è di normale utilizzo senza complicazioni e senza problemi. Ma in un sistema globalizzato questa è la conseguenza e così sempre di più ascolteremo chi utilizza quei termini a volte a sproposito e non sa coniugare un congiuntivo.... Che tristezza!
Steffi
...Elle s'en fout, elle balance son cul avec indolence.
Elle s'en fout
Elle s'en balance de savoir ce que les autres
pensent....
https://crossdresserdaunavita.blogspot.com/?m=1

Avatar utente
Melissa_chan
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 541
Iscritto il: lunedì 28 agosto 2017, 8:01
Località: Belluno
Età: 33

Donna

Utente incontrata

Accesso area fotografica

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da Melissa_chan »

angelaingrid ha scritto: giovedì 24 novembre 2022, 22:04 Contesto però che la parola forum sia di origine inglese: è latinissima, e il plurale non è forums : Andry : ma fora.
Questo è giusto ma c'è una cosa da sottolineare ossia l'assimilazione di parole straniere nella lingua.
Faccio un esempio molto pratico:
"Tommaso, hai chiuso le porte dei garage?"
In questa frase possiamo notare l'assimilazione della parola "garage" nella lingua italiana che assume e fa proprie le normali regole grammaticali ad essa associata, dunque "garage", il cui plurale inglese sarebbe "garages", non subisce nessun cambiamento con la frase che denota il plurale utilizzando l'articolo "i".
Dunque lo stesso principio vale per "forum" o "curriculum", essendo parole assimilate da un'altra lingua non vanno declinate seguendo le direzioni della suddetta ma mantenute al singolare utilizzando gli articoli propri della lingua italiana

In ultima cosa, il detto: "firmare in calce" deriva dal latino "calx" (tallone o calcagno) che venne presa dai latini dall'equivalente greco

: Love :
Non giudicarmi dal corpo che vedi, piuttosto considera cosa abbiamo fatto insieme, come lo abbiamo fatto e cosa ti ha trasmesso; a quel punto ti accorgerai che nulla è cambiato

Avatar utente
sylvix
Princess
Princess
Messaggi: 2209
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2014, 3:09
Località: worthing
Contatta:

Accesso area fotografica

Re: L'inglese nella lingua italiana

Messaggio da sylvix »

le lingue sono sistemi dinamici autoassertivi: se attraverso i secoli non vi fossero stati gli scambi culturali, le invasioni e le migrazioni, avremmo ancora i monosillabi del sanscrito(li abbiamo ancora invero, ma le cose vanno leggermente meglio)
non è l'inglese americano in se a dare fastidio, ma l'uso che ne è fatto. (come le armi: puoi collezionarle o usarle per fare una strage)
alberto sordi, nel suo santi bailor american attraction, quasi 70 anni fa, aveva già riassunto la cialtroneria dell'italiano medio nell'imitare goffamente ora il poliziotto del kansas siti, ora il modello, ora il giovane gen chelly.
è un caso esclusivamente italiano di cui non vado certo fiero; vivendo all'estero mi è fin troppo facile vedere quanto cinicamente profetico fosse il buon albertone.
spiegare perchè sarebbe un discorso lungo che prenderebbe troppo spazio.
jeg taler ikke dansk!

Rispondi