Intolleranza e razzismi di varia natura

Re: Intolleranza e razzismi di varia natura

Messaggioda Celeste » venerdì 10 agosto 2018, 22:29

Ho letto con interesse tutti gli interventi e leggendoli con ciascuno mi sono trovata d'accordo per qualcosa. Mi chiedevo se nel nostro caso, cioè nel sembrare donne o nel sentirsi donne, ci fossero delle particolarità nell'intolleranza che ci può colpire, rispetto alle intolleranze in generale.

Mi chiedo anche che cosa ci fa paura di poter trovare nel prossimo che ci guarda. Io non sono mai uscita enfemme (chissà magari un giorno troverò il coraggio di farlo), ma fantasticando credo potrei avere essenzialmente due paure: o quella di attirare qualche maniaco oppure all'opposto quella di non piacere per niente... però forse queste mie paure sono estreme.

In realtà è più probabile che se qualcuno mi dovesse guardare forse mi troverebbe un po' strana (d'altronde mi hanno pure detto che sembro strano anche come uomo, quindi senza nessun travestimento!!!), però mi chiedo che cosa possa passare per la testa della maggior parte della gente quando vede passare una di noi. Forse paura? (Eppure non mangiamo nessuno...) Forse disgusto? (Eppure non mi pare che siamo così brutte...) Che tipo di intolleranza è quella che può colpirci nel nostro caso???
"Without loving-kindness for ourselves, it is difficult, if not impossible, to genuinely feel it for Others." (Pema Chödrön)
"Siccome c'è sempre nuova creazione nell'universo, anche le tue reazioni mentali e psicologiche a essa sono soggette a un continuo cambiamento." (Anandamayi Ma)
"Niente o Nulla: come lo zucchero che si scioglie in acqua, l' "io" non se n'è andato, ma è stato assorbito, si è dissolto." (K.E. Helminski)
"È nell'intuizione che si realizza la consapevolezza della Beatitudine" (Yogananda)
Connesso
Avatar utente
Celeste
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 176
Iscritto il: venerdì 18 maggio 2018, 23:25
Località: Triveneto

Re: Intolleranza e razzismi di varia natura

Messaggioda Giorgia Fishel » sabato 11 agosto 2018, 1:03

Per mia esperienza posso dirti che diffusamente attiri curiosità

Se poi fai caso agli sguardi..
magari discretamente da dietro a degli occhiali da sole che la gente si intimidisce specie se colta di sorpresa da incontri destabilizzanti del loro status quo..
se ci fai caso puoi notare in quegli sguardi varie declinazioni di curiosità che possono prendere la forma di un sorriso partecipe o di un ghigno irridente..di uno sbirciare furtivo..di un indugiare lascivo o severo..personalmente gestisco meglio il secondo

Il rischio dell'incontro sbagliato credo si riduca tanto più passi attraverso queste curiositá senza esserne troppo intimorita ma al contrario sicura del tuo modo di essere e della tua diversità..fiera di esprimerla nonostante i giudizi o le invidie di chi vorrebbe ma non se la sente o non può neanche ammetterlo a sé.. sostanzialmente attraversarli pensando ai fatti tuoi come accade per tutti gli altri

Il timore di essere intercettata intenzionalmente da qualcuno che abbia notato il ricorrere dei tuoi passaggi nello spazio pubblico suggerirebbe di variare per quanto possibile orari e percorsi..ma essere libera di vivere le abitudini delle tue giornate apparendo così come sei e ti riconosci..questo é un dono che a un certo punto decidi di non negarti più..a te e a tutti gli altri..compresi quelli che mai lo riterrebbero possibile per una persona "normale"

Inviato dal mio D2005 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Giorgia Fishel
Gurl
Gurl
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 486
Iscritto il: mercoledì 30 novembre 2016, 12:25
Località: milano

Re: Intolleranza e razzismi di varia natura

Messaggioda Celeste » domenica 12 agosto 2018, 11:32

Grazie mille Giorgia per le tue parole, trovo che siano indicazioni utili, molto accurate e preziose!

Inviato dal mio SM-A500FU utilizzando Tapatalk
"Without loving-kindness for ourselves, it is difficult, if not impossible, to genuinely feel it for Others." (Pema Chödrön)
"Siccome c'è sempre nuova creazione nell'universo, anche le tue reazioni mentali e psicologiche a essa sono soggette a un continuo cambiamento." (Anandamayi Ma)
"Niente o Nulla: come lo zucchero che si scioglie in acqua, l' "io" non se n'è andato, ma è stato assorbito, si è dissolto." (K.E. Helminski)
"È nell'intuizione che si realizza la consapevolezza della Beatitudine" (Yogananda)
Connesso
Avatar utente
Celeste
Gurl
Gurl
 
Messaggi: 176
Iscritto il: venerdì 18 maggio 2018, 23:25
Località: Triveneto

Precedente


Torna a L'angolo dello sfogo




Visitano il forum: Bing [Bot] e 0 ospiti


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010